Sale

ZAFFERANO

20,00 18,00

Zafferano ottenuto dagli stigmi del fiore Crocus sativus L., pianta tubero-bulbosa appartenente alla famiglia delle iridacee. Coltivato in Canavese. Il raccolto avviene completamente a mano.

Compara
Email
Description
 DESCRIZIONE Zafferano ottenuto dagli stigmi del fiore Crocus sativus L., pianta tubero-bulbosa appartenente alla famiglia delle iridacee. Coltivato in Canavese. Il raccolto avviene completamente a mano.
 PESO 1 g.
 TIPOLOGIA
NOTE CHEMICAL FREE – GLUTEN FREE

CONSIGLI:  Lo zafferano ottenuto dagli stigmi del fiore Crocus sativus L. è completamente gluten free. Con lo zafferano in stigmi si possono preparare molti piatti gluten free. Per il risotto alla milanese consigliamo di mettere in una tazzina di acqua tiepida un paio di stigmi a persona e poco prima di mantecare il riso versare il contenuto della tazzina nel risotto.

Lo zafferano di Agrival è naturale e il raccolto degli stigmi avviene completamente a mano. La varietà di questo zafferano è quello sardo con un contenuto insolitamente alto in crocina, picrocrocina e safranale.

informazioni Wikipedia

Lo zafferano ([ʣaffeˈra:no][1][2]) è una spezia che si ottiene dagli stigmi del fiore del Crocus sativus, conosciuto anche come zafferano vero, una pianta della famiglia delle Iridacee. La pianta di zafferano vero cresce fino a 20–30 cm e dà fino a quattro fiori, ognuno con tre stigmi color cremisi intenso. Gli steli e gli stigmi vengono raccolti e fatti seccare per essere usati principalmente in cucina, come condimento e colorante.

Lo zafferano vero, la cui specie selvatica è sconosciuta, probabilmente discende dal Crocus cartwrightianus, originario dell’isola di Creta; il Crocus thomasii e il Crocus pallasii sono altri possibili precursori. La pianta è un triploide autoincompatibile il cui maschio è sterile; subisce una meiosi aberrante e quindi non è capace di riprodursi sessualmente in maniera indipendente.

L’aroma dello zafferano e l’odore simile a fieno e iodoformio sono dovuti alle molecole picrocrocina e safranale. Contiene inoltre un pigmento carotenoide, la crocina, che dà una tonalità giallo-dorata ai piatti e ai tessuti. La sua storia documentata comincia con un trattato botanico assiro del VII secolo a.C. compilato sotto il regno di Sardanapalo e per oltre quattro millenni è stato commerciato ed usato. Ha costituito nel Medioevo l’unica spezia commerciata in Occidente di provenienza indigena. Attualmente la produzione iraniana di zafferano rappresenta il 90% di quella mondiale.

Lo zafferano non è tutto della stessa qualità e intensità. L’intensità dipende da vari fattori, tra cui la quantità di stilo raccolto insieme allo stigma rosso e l’età dello zafferano stesso.

Le nazioni che producono quantità minori di zafferano non hanno termini specifici per le diverse classi e possono produrne solo una. Di contro, i produttori artigianali in Europa e Nuova Zelanda hanno la maggior parte del lavoro nella raccolta di zafferano mirata all’alta qualità, offrendo solo un prodotto di classe estremamente alta.

Per un chilo di spezia occorrono circa centoventimila fiori. Per questo motivo i pistilli di zafferano costano almeno 12.000 euro al chilo. A seconda delle varietà dei bulbi e dei climi la raccolta dei fiori avviene fra ottobre e novembre.

 

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Solo i clienti registrati che hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.